Le basi del Search Engine Marketing (SEM)

Di certo ti sarai reso conto che i motori di ricerca sono diventati uno strumento prezioso per fare marketing e un importante punto di riferimento per tutti gli utenti: oggi quasi ogni persona che intende acquistare qualcosa ricerca, prima di spendere il proprio denaro, informazioni utili nel web. Secondo Forrester, infatti, ad usare i motori di ricerca per questo scopo sarebbe l’88% degli utenti della rete.

Dunque i motori di ricerca sembrano avere assunto il ruolo di rapidi mediatori tra aziende e utenti, andando ad integrare (se non quasi sostituire) i tradizionali mezzi usati per ricercare informazioni come i giornali, le riviste, la televisione e così via.

Sapevi che i primi 5 risultati che il motore di ricerca ci mostra riescono a guadagnarsi circa il 70% del traffico di utenti?

Questo fatto è ciò che spinge i siti web a competere tra loro con l’obiettivo di aumentare la propria visibilità e procurarsi un traffico di utenti mirato. Quindi, le aziende che hanno compreso l’importanza dei motori di ricerca in questo mercato sempre più competitivo hanno iniziato ad integrare le strategie di Web Marketing con le tecniche di Search Engine Marketing (SEM).

Search Engine Marketing (SEM)

Acquisire traffico mirato e maggiore visibilità sui motori di ricerca

È possibile acquisire traffico e visibilità sui motori di ricerca attraverso attività sia gratuite che a pagamento:

  • SEO (Search Engine Optimization): Ne abbiamo già parlato nel precedente articolo (clicca QUI per leggerlo) e, sostanzialmente, indica quell’insieme di pratiche gratuite svolte con lo scopo di aumentare la visibilità organica di un sito web sui motori di ricerca, migliorandone il posizionamento (ranking) nelle varie pagine a seguito di una ricerca fatta dagli utenti;
  • SEA (Search Engine Advertising), termine che oggi viene sempre di più “rimpiazzato” con SEM (Search Engine Marketing): che indica, invece, la pubblicità a pagamento sui motori di ricerca.

Combinando strategicamente SEO e SEM, potrai rafforzare la tua presenza online e di conseguenza i tuoi guadagni.

Le basi del Search Engine Marketing (SEM)

Il SEM è l’insieme delle attività che puoi svolgere per canalizzare all’interno del tuo sito web il maggior numero possibile di quegli utenti che navigano nei motori di ricerca e che sono specificatamente interessati ai contenuti da te offerti.

Nel fare SEM ogni inserzionista deve pagare per ottenere un traffico di utenti mirato verso il suo sito web, infatti gli annunci vengono mostrati a tutti coloro che effettuano delle ricerche strettamente correlate e pertinenti ai prodotti o servizi da lui offerti.

Per fare SEM, e quindi per apparire tra i risultati sponsorizzati dei principali motori di ricerca (come Google, Bing e Yahoo), è importante saper scegliere le giuste parole chiave sulle quali investire, ovvero quelle parole che i tuoi potenziali clienti digiteranno quando fanno delle ricerche online.

Lo strumento SEM più utilizzato dalle aziende è Google Adwords (o Google Ads): una piattaforma online che permette agli inserzionisti di creare il proprio annuncio (pianificando il titolo, la descrizione, il link di destinazione, la zona geografica di interesse e il budget) e ai siti web di collocarsi al di sopra o a destra dei risultati organici (di cui, invece, si occupa la SEO).

Differenze di posizionamento tra SEM e SEO

 

Quando più inserzionisti competono per mostrare gli annunci su una pagina dei risultati di ricerca, i motori di ricerca utilizzano un’asta per determinare quali annunci mostrare e in quale ordine. Non appena il tuo annuncio sarà ben visibile tutti gli utenti che vi faranno clic verranno indirizzati verso una particolare pagina del tuo sito web, quella che tu stesso avrai scelto come pagina di destinazione (landing page).

L’aspetto positivo del Search Engine Marketing è che l’inserzionista dovrà pagare solo se (e quando) gli utenti faranno clic sul suo annuncio. Proprio per questo motivo i costi sono variabili ma, al tempo stesso, non supereranno mai il budget impostato inizialmente durante la fase di pianificazione dell’inserzione.

Un ulteriore aspetto positivo è che se per ottenere un buon posizionamento organico si impiega molto tempo, gli annunci sponsorizzati permettono di ottenere traffico e visibilità in tempi decisamente più rapidi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *